Google+

giovedì 8 maggio 2014

Tentativi di hennè #3

Sì, l’ho fatto di nuovo! Avevo giurato che mai, mai più l’avrei rifatto, ma non è stato un atto di debolezza il mio: è stato un investimento per evitare il degenerare delle cose nei prossimi mesi! E quindi eccomi qui a parlarvene. Di nuovo. Ho rifatto l’hennè!

Ho dovuto farlo! Sebbene i precedenti episodi abbiano avuto risvolti complicati (aka, “3 ore senza occhiali = morte”) avevo i capelli secchi e molto, molto crespi. Dovevo domarli e sapevo che questo sarebbe stato l’unico modo per rimediare. Visto il disastro dell’estate scorsa non voglio farmi cogliere impreparata, sto programmando un ciclo per tenerli belli idratati per tutta la durata della stagione estiva. E, porca paletta, deve funzionare! Per rendere ancora più traumatica l’esperienza, ho ben pensato di “spignattarmelo” l’hennè! Come sono furba! Guardiamo che ho combinato!

Ho preso 45 g di burro di Karitè e l’ho fatto sciogliere a bagnomaria. In questo caso ho usato quello de I Provenzali perché al supermercato non ho trovato altro. Intanto in un altro recipiente ho mescolato insieme i due hennè di Forsan che sono riuscita a recuperare, il neutro (Cassia Obovata) ed il rosso egiziano (Lawsonia Inermis), più precisamente 50 g del primo e 40 g del secondo. Avevo paura che usando solo il neutro si sarebbero scuriti e speravo di riprodurre l’effetto della seconda applicazione di Riflessi Scarlatti. Una volta sciolto il burro di Karitè gli ho aggiunto una tazzina di caffè, per acidificare il tutto, ed un po’ dell’acqua del pentolino. A questo punto ho preso la polvere e l’ho aggiunta alle parti liquide mescolandole con un mestolo di legno (MAI usare l’acciaio o il metallo!). Una fatica che non vi dico! Ho continuato ad aggiungere acqua finchè non ho raggiunto una consistenza tipo yogurt liquido, a quel punto ho preso un pezzo di pellicola, ho coperto la terrinetta e l’ho infilata nel forno spento per ossidare. Credetemi, se non fossero state le 11 passate di sera sarei corsa a piangere dai commessi della Lush! Il loro hennè è così comodo: perché mi complico la vita??

L’ho preparato la sera tardi per lasciarlo ossidare fino al mattino dopo. In realtà non penso che serva un’ossidazione così lunga, io ho fatto così semplicemente perché volevo svegliarmi, fare colazione e spiaccicarmi la brodaglia in testa in modo da togliermi subito il fastidio. Così ho fatto! Ho dovuto aggiungere acqua prima di applicarlo però. Madre ha steso la “cosa” (su capelli lavati meno di 24 ore prima) e mi ha incelofanato la testa. Mi ha lasciato fuori le orecchie e io ho protetto con la pellicola le stanghette, ma gli occhiali mi stavano storti, quindi alla fine sono rimasta cieca ugualmente! -.-

3 ore e diversi ematomi dopo mi sono spacchettata la testa e ho lavato e risciacquato ripetutamente i capelli. Anche troppo perché sto usando uno shampoo che per la mia cute è come il demonio in bottiglia e ho smesso di lavarmi principalmente perché mi faceva male. Un filo di balsamo e via col phon!

Il risultato mi piace un casino! I capelli sono più morbidi e molto meno crespi. Il riflesso biondo è sparito ed al suo posto ci sono dei riflessi più scuri e caldi, quasi rosso scuro. L’unico rosso accettabile sulla mia testa! Il confronto in alto  fa riferimento al giorno 0, cioè quello dell’hennè. Ho fatto delle foto anche nei tre giorni successivi, ma non so se i vari mutamenti di colore dipendono dall’ossidazione del prodotto sul capello o proprio dai miei capelli. Perché, come vi dicevo nel primo episodio di questa fantasmagorica saga, i miei capelli cambiano colore anche da soli, è difficile capirli! Negli ultimi giorni li vedo molto simili al giorno 2, se si stabilizzassero così sarei felicissima perché sono proprio belli!


E direi che ho detto tutto! Credo… Se volete sapere qualcosa potete sempre chiedermelo nei commenti! Intanto io ed il mio ginocchio viola vi salutiamo! XD

6 commenti:

  1. Cicciola, l'hennè si sciacqua con il balsamo, non con lo shampoo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, ma non mi fido... Ho sempre paura di dar giù colore ovunque :/

      Elimina
    2. Per esperienza, smollano più con lo sciampo.

      Elimina
  2. Nel senso che a sciacquarli con lo shampoo o a sciacquarli col balsamo mollano meno col balsamo. Almeno, io ho capito che ti sciacquavi collo shampoo. Se invece ti sciacquavi a nudo, tra niente e balsamo non ho notato differenze (sì, ho provato un po' tutto un po' a cazzo), quindi imbalsamati (!!!) pure come se non ci fosse un domani!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intricato, ma proverò con il balsamo la prossima... Farò andare un bottiglione di Splend'Or al Cocco quindi mi conviene ricomprarlo preventivamente così magari mia sorella non mi lincia XD

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Copyright (c) 2010 una casa su un albero. Design by WPThemes Expert
Themes By Buy My Themes And Cheap Conveyancing.