Google+

sabato 12 aprile 2014

Top inverno 2014

È veramente imbarazzante il ritardo costante di questo post! Basta, non vi prometto neanche più che la prossima volta sarò puntuale, quel che sarà sarà e quando arriverà arriverà! (che sia la volta buona?) Lamentele a parte, eccoci con i vestiti, prodotti e cibi top dei mesi più freddi dell’anno! Che poi, tanto freddi non sono stati, ma per una creaturina a sangue freddo come me questo non può che essere un bene! Partiamo!

Non ha fatto tanto freddo, ma io sono e resto una lucertolina infreddolita, quindi sì, una selezione di maglioni! Magari indossati da soli, senza nulla sotto,  ma senza di loro non saprei come fare! Il primo è una vecchia conoscenza! Ve l’ho mostrato nell’haul di dicembre se non sbaglio, questa volta l’ho fotografato da appeso perché speravo che rendesse meglio l’idea ma ci sono riuscita solo in parte! Indossato è molto più grazioso e molto meno sacco-di-patate. È caldissimo l’ho indossato soprattutto nei giorni particolarmente freddi o quando stavo poco bene e necessitavo di qualcosa di caldo ed avvolgente. Moroso mi prende sempre in giro perché dice che se allargo le braccia sembro uno scoiattolo volante… Che cattivo! A seguire il maglione più verde del globo! Preso all’H&M ai saldi di credo due anni fa. È caldo, ma non come quello di cui abbiamo appena parlato, ha le maniche a tre quarti e ha tipo la forma di una tunica. È difficile da descrivere effettivamente! Non serve che vi dico perché l’ho messo spesso: ha un colore meraviglioso e avevo bisogno di evadere dalla monotonia di beige di quest’inverno! A proposito, torniamo al beige con l’ultimo maglione. Semplice, corto ed un po’ larghino, con un laccetto legato a fiocco sulla schiena: adoro! È il capo più vecchiotto dei tre e si vede (il prossimo autunno gli faccio un piccolo restauro e torna come nuovo), l’ho preso da Camaieu non molto prima di quello verde. Da amante delle cose semplici non posso adorare questo gioiellino! È bello caldo, ma ha un difetto: lascia pelucchi un po’ ovunque! Spero che col tempo smetta di farlo!

Passiamo al make up? Cavolo quante recensioni devo fare! Ci sono prodotti che uso sempre ma che non mi decido mai a recensire perché voglio essere sicura di quello che dico o perché c’è un altro utilizzo che posso provare. Io mi devo fare meno complessi! Prometto, finisco un piccolo progetto e mi ci metto! Alcuni prodotti di cui abbiamo già parlato approfonditamente in passato, vedi la cipria Accord Perfait di L’Oreal (ora sulla scatolina porta assorbenti in alto, la confezione s’è sfasciata), il primer occhi di Kiko, il rossetto Miss Pupa n°501 ed il mascara Stays no Matter What di essence. Cose di cui parleremo presto come il pigmento concentrato di Lush, il kabuki retaibile ed il set da viaggio di Shaka, l’ombretto Vamp di Pupa in Burgundy, la Undressed di MUA, due correttori coverstick, un pennello da sfumatura, la palettina quattro di essence, il rossetto n° 01 e la matita labbra n°08, tutto di essence. Ne parleremo, promesso! Ci vorrà un po’ di più per il mascara Vamp di Pupa, ho iniziato ad usarlo da un mesetto e per il momento sono lievemente confusa. Ho iniziato ad usare il blush di H&M, ma continuo a trovarlo un passaggio inutile a meno che io non sia pallida come la signora morte! Ho bisogno di provare ancora un po’ l’eyeliner pen super fine di essence ed il Rouge Infusion n°12 di Sephora, di quest’ultimo penso si riparlerà in autunno perché è un colore bello scuro e nelle ultime settimane mi sto orientando verso tonalità più primaverili. Come sono scontata! Della matita nera n°10 di Debby parleremo quest’estate: voglio vedere come si comporta con il caldo. Praticamente vi ho fatto un trailer!

Infine, mia croce e delizia: il cibo! Nelle ultime settimane ho scoperto il Saikebon della Star. E praticamente è una continuazione del discorso “ramen” di quest’autunno dato che sono due prodotti concettualmente simili. Questo prodotto è stato pubblicizzato al punto che nessuno ha più avuto voglia di provarlo secondo me. A parte la sottoscritta, che potrebbe mangiare anche chiodi! Mi ispirava ma il concetto del “tutto in barattolo” mi faceva storcere il naso. Chissà che diavolerie ha dentro. In realtà non è niente di particolarmente strano o malefico. Anzi, ha un meccanismo molto intelligente che sfrutta la gran capacità di assorbimento dei noodles e la accorpa ad una specie di dado da brodo che insaporisce il tutto. Alla fine non esce un prodotto chissà che prelibato, ma per essere una cosa già pronta ed istantanea non è per niente male. E parlo della variante pollo e verdure. Vi giuro che nei giorni in cui sono stata male avere a disposizione questi barattolini è stata come la manna dal cielo! Non potevo certo far fare il brodo a Madre due volte alla settimana (soprattutto ora che è orfana della sua pentola a pressione!). Sono stati veramente un sollievo! Spero di riuscire a fare in casa qualcosa di simile e di altrettanto istantaneo! Quest’inverno ho anche fatto una grande scoperta dolciaria: i fiorgolosi della Bauli! Dyo come sono buoni quei biscotti! Cercateli ed assaggiateli! Ve lo ordino, non dovete perderveli! Ci sono andata così in fissa che ho cercato di riprodurli e ce l’ho fatta! Stay tuned! Infine arance! Tante arance, ne ho mangiate a vagonate proprio! Preferibilmente tarocco o rosse. Madre ha avuto la geniale idea di prendere le vaniglia… Mai più! Sono un insulto a tutti gli agrumi, sono così insapore che tutto quello che mangerete dopo di loro saprà di camomilla diluita. Veramente NO!

E direi che queste sono tutte le mie fisse per l’inverno appena concluso! E voi vi siete fissati con qualcosa? Che cosa? 

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Copyright (c) 2010 una casa su un albero. Design by WPThemes Expert
Themes By Buy My Themes And Cheap Conveyancing.