Google+

lunedì 7 ottobre 2013

Lush: Miranda



Se mi seguite lo sapete: per me il sapone perfetto è quello all’Argan de I Provenzali. Niente è come lui, forse qualcuno in futuro potrà eguagliarlo, ma mai superarlo. Ma sapete anche che ho un debole per i saponi di Lush, un po’ tutti, ce ne sono un paio che non mi sconfinferano troppo ma in generale mi ci trovo bene. Quello che non sapete è che c’è un preferito anche lì. Oggi vi parlo del sapone solido Miranda, di Lush.

Probabilmente oltre al legame “qualitativo” c’è anche una specie di legame affettivo che mi lega a questo prodotto: è il primissimo sapone di Lush che ho provato! Anzi, è il primo campioncino. L’episodio risale a più di un anno fa, il 30 agosto, a Venezia, quando ho fatto il mio primo colloquio da loro (se mi va bene questo mese faccio il terzo… ho già fuori gli ingredienti della torta da colloquio) e mentre io passavo un’ora a chiacchierare col responsabile madre ha torturato una malcapitata commessa e sorella 1 ha fatto da cavia per… beh, considerando che poi ha “puzzato di Lush” per due giorni, credo che le abbiano provato tutto. Dall’acquisto di quel giorno è nato un pezzettino di Miranda. Inizialmente il pargoletto se n’è stato chiuso in un cassetto per un po’, perché non mi faceva impazzire la profumazione sinceramente, poi l’ho provato ed è stato amore alla prima insaponata.

Non è morbidissimo, un po’ meno del Non si mangia, e non è particolarmente idratante. Ma lava bene, lava come il sapone all’Argan ma senza le varie magie che fa quello. Basta pochissimo prodotto per essere puliti alla perfezione e (ma questo è un po’ ovvio) fa poca schiuma, quindi ci si risciacqua in fretta. È pratico anche per le situazioni di fretta immane! Inoltre lo trovo molo comodo perché è particolarmente durevole per essere un sapone morbido di Lush. Logicamente, più un prodotto è morbido ed idratante più velocemente si consuma, vale per i saponi, vale per i rossetti, vale in generale. Miranda, non è un campione di idratazione come può essere definito Biancaneve, ma è importante secondo me che non si consumi solo guardandolo. Trovo che sia particolarmente equilibrato (come quello all’Argan, per la millesima volta!), perché spesso i saponi più durevoli (come Igloo ed in parte Aurora Boreale nel caso di Lush) mi hanno seccato la pelle. Credo veramente che sia meglio far caso a queste cose adesso che andiamo incontro all’inverno.

Ha un profumo… beh, è difficile da descrivere… è dolce e fruttato. Non profuma di niente in particolare ma profuma di tutto. Non amo tanto l’odore della saponetta, in compenso adoro quello che lascia sulla pelle, lo trovo più naturale. Effettivamente è strano che non mi dia fastidio la profumazione: di solito non mi piacciono gli odori che non so ricondurre a qualcosa di fisico, questo però lo adoro.

L’unico appunto un po’ negativo è per i semini che ha qua e là. Credo che li abbia solo in certe zone perché li ho trovati solo una volta. Ad occhio (sì, beh senza occhiali “ad occhio” è un parolone!) assomigliano ai semini sulla buccia delle fragole, l’inci però non dichiara questo frutto, ma bensì il succo di kiwi, quindi probabilmente è quello il colpevole. Non sono esattamente piacevoli come in Adamo ed Eva, sono un po’ più affilati e tendono a graffiare. Ma non è un grosso problema, sono presenti solo in piccole zone e se danno proprio fastidio possono essere tranquillamente grattati via.
As usual, ecco riportato l’inci:


E questo è il mio sapone Lush preferito! Sì, è un po’ confusa come recensione, ma credo di aver reso l’idea. Spero di aver reso l’idea! Forse devo fare meno similitudini…

E voi avete mai provato questo sapone? Cosa ne pensate?

2 commenti:

  1. Ti è proprio piaciuto insomma ** io ne ho provato un campioncino ma non ne son rimasta particolarmente colpita, ho odiato il suo odore >_< tra tutti i saponi che ho provato Dirty è stato l'unico che mi è piaciuto :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Copyright (c) 2010 una casa su un albero. Design by WPThemes Expert
Themes By Buy My Themes And Cheap Conveyancing.