Google+

martedì 6 agosto 2013

Out of mind #3, Luglio 2013

Sono distrutta! Oggi ho fatto un mucchio di lavoretti, dalla preparazione della conserva alla raccolta delle patate (nella vecchia fattoria, ia,ia,oh!), quindi sono stanchissima. Inoltre, il pomeriggio io e la mia memoria abbiamo giocato al nuovissimo gioco dell’estate “indovina il blog!” che consiste nel leggere una recensione copiata e cercare di ricordare da che blog sia stata rubata. Ci sono pure gli aiuti come su chi vuol esser milionario: c’è il “cerca su google”, c’è il “vedi la cronologia dei post che magari li ha copiati in serie” ed infine, il mio preferito, il “dai fuoco alle ceneri!”. Muahah! Attacco briga alle commesse che mi rispondono male nei negozi, figurati con queste cose! Ma parliamo d’altro o mi addormento qui!
 
Cominciamo dalle note dolenti: non ho letto niente! Buuu per me! Non ho avuto tempo, non ho avuto voglia… In compenso ho trovato i nuovi libri della collana a 99 centesimi e me ne sono presi 2: La metamorfosi di Kafka e Uno, nessuno e centomila di Pirandello. Inoltre, attenzione attenzione, è tornato a casa Inferno di Dan Brown (dove sia stato non si sa…) ed è parecchio che lo bramo. Non vedo l’ora di leggerlo, io adoro Dan Brown (ma non quanto Glenn Cooper!).

Passiamo ai prodotti che ho/abbiamo terminato. “Abbiamo” perché essendo in 5 a casa tutti usano tutto, quindi io non finisco quasi mai niente da sola. E ne sono volati così tanti nel cestino che non mi sono neanche entrati in una foto sola! Tzè!

Iniziamo col balsamo, lo Splend’or al cocco. Io credo che chiunque conosca questo prodotto! Io l’ho comprato mesi fa, ma sinceramente l’ho usato poche volte come balsamo. Shame on me! L’ho usato parecchio per fare una specie di cowash, ma ci farò un post apposito prima o poi. Chi l’ha finito? Sorella 2, la piccola. Lei ha bisogno del balsamo quasi quanto me (nonostante sembri la Barbie) perché ha i capelli sottilissimi e si spezzano pettinandoli. Questo è l’unico che accetta. Anzi, ci tiene a lui! Facendo la spesa la prima volta ci siamo dimenticati di ricomprarglielo, ci ha fatto una testa così perché non le avevamo preso il balsamo al cocco! La spesa dopo è partita e se l’è cercato! E si è pure stizzita perché madre ha dubitato che fosse quello giusto! A 6 anni, io, neanche sapevo cosa fosse un balsamo!

Shampoo Shultz! Sì, ce lo beviamo! Lo usa padre, madre, sorella 2 e alle volte io. È fantastico. Ma adesso mi direte, e sorella 1 con cosa si lava i capelli? Con lo shampoo alle 5 piante della Garnier! Io l’ho trovato un po’ aggressivo e visto un piccolo problema di forfora l’ho abbandonato da un mesetto abbondante. Non credo che me l’abbia provocata lui, è un problema che mi si presenta spesso, ma la sua aggressività non ha certo aiutato a prevenirla. Sorella 1 però ci si trova bene e c’è già un flacone nuovo fiammante in doccia.

Vi ho parlato diverso tempo fa del balsamo biologico fortificante de I Provenzali e dopo l’abbandono iniziale ho pensato che potevo utilizzarlo per i lavaggi post spiaggia. Se normalmente mi appesantisce i capelli, quando li ho secchi dovrebbe far bene. Peccato che sia scaduto. Ha un odore terribile (non che quello di prima fosse buono, ma adesso è peggio) e anche la consistenza è cambiata. 
Effettivamente ha 6 mesi di PAO. Quindi niente, peccato, pensavo proprio di avergli trovato il ruolo perfetto.

Infine, steso, c’è un vecchio bagnoschiuma di cui nessuno ricorda l’origine, al quale è stato affibbiato il ruolo di sapone per le mani. Almeno lo usiamo. Solo una cosa posso dire di lui: l’”arroganza” del prodotto sta nel definirlo profumato!

Muahah! Peli! Io odio i peli, sono il problema principale delle mie estati! Quest’anno va un po’ meglio devo dire, tutto merito della luce pulsata, ma i bastardi restano comunque. Non fatevi spaventare dai tre soggetti della foto: non sono COSì pelosa. Erano tutti nella via della conclusione. E anche madre ha contribuito allo smaltimento! Come credo di avervi accennato, io odio le strisce depilatorie! Sono comodissime in teoria: sono pronte, le scaldi un momento con phon e operi. Ma in pratica non è così! Non strappano un ciufolo e lasciano tutta la pelle appiccicata. Io ODIO  queste cose. Mi sono trovata vagamente bene solo con le strisce della Strep qualche anno fa. Anzi, sapete cosa faccio? Le ricompro e le riprovo, così vi dico se sono meglio. E così ho qualcosa per le emergenze. In verità io adoro la cera in gel, ma non sempre ho voglia di prendere il barattolo, scalda la cera, metti la cera, togli la cera. No! Fa caldo e io per queste cose mi prendo sempre all’ultimo minuto. Ho bisogno di qualcosa di “già pronto”. Come sono pigra -.-“.

Ultima tranche di prodotti! Sapone corpo all’olio di mandorle dolci de I Provenzali? A mai più rivederci! Ve lo giuro: non vedevo l’ora di finirlo!

Crema per cellulite evidente e radicata di Pupa? Bye bye! Se la usate ricordate di tagliare in due il flacone: credo di averci recuperato almeno una decina di applicazioni facendo così! Mai sprecare le cose! 


Deodorante pure di Dove. Il discorso deodoranti non lo avevamo mai toccato. Da più di un anno madre ne cerca uno che non contenga Sali di alluminio. Il problema è che senza di quelli, i deodoranti non funzionano su di noi. Ormai io sono giunta ad un compromesso: ne uso due e li alterno. Un giorno Teodoro di Lush e l’altro uno con Sali d’alluminio. Non è un metodo efficace al 100%, ma mi sento meno in colpa. Non mi sto trovando male comunque. E questo di Dove  è anche abbastanza buono. Certo, ha Sali di alluminio, ma per lo meno è senza profumo, parabeni ed alcool. È già qualcosa.

Ho finito un pezzo di sapone di mare di Lush, ma non me la sento ancora di parlarvene, voglio usarne un altro po’. L’unica cosa che mi viene da dire adesso è “AAAAAHHHHH! ALGHE!!!!”. Aspettiamo.

Ho consumato due campioncini di Bottega Verde: la Gelée abbronzatura intensa ed il doposole ibisco e argan. L’abbronzante lo adoro! Dopo meno di una settimana sono corsa a comprarmi il barattolo. Penso che farò un post di prime impressione entro la fine della prossima settimana, magari vi torna utile. Anche perché è inutile aspettare tanto: è agosto! Il doposole invece non mi è piaciuto. A parte il fatto che non me ne serve uno, a me non si secca la pelle andando in spiaggia. Volevo provarlo, ma l’unica cosa che mi ha donato è stato un sacco di bruciore! Non mi era mai successo con nessun’altra crema, sono rimasta sconvolta! Mi ha fatto veramente una pessima impressione. L’unica nota positiva è che ha un buonissimo profumo dolce e persistente.
 
Infine il Long Lasting di Kiko di madre. Sì, ha finito un long lasting. Cavolo usa solo questo per truccarsi! Il n°18 precisamente. Lei ne canta sempre le lodi, ma sinceramente non mi è piaciuto troppo le volte che gliel’ho scroccato. A parte il fatto che il colore mi sta da cani (vedi swatch a lato), non è tanto intenso e non mi sembra neanche resistentissimo. A me non piace, però lei ne ha già uno nuovo. Contenta madre contenti tutti!

E anche per questo mese è tutto. E basta, vado a spalmarmi a letto. (No, scrivere con calma e ricontrollare 1000 volte non fa per me :P)

E voi siete riusciti a smaltire qualche prodotto nell’ultimo mese? Quali?

2 commenti:

  1. Ciao cara, ti ho risposto su firmoo ;)
    A presto, scappo...questo pc fa troppo caldo!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Copyright (c) 2010 una casa su un albero. Design by WPThemes Expert
Themes By Buy My Themes And Cheap Conveyancing.