Google+

venerdì 12 aprile 2013

Cotoneve: dischetti leva trucco



Mai avrei pensato di recensire dei dischetti di cotone. Ho sempre pensato che un tipo valesse l’altro e che esprimere un’opinione su una cosa del genere fosse inutile. La mia unica pretesa per questi prodotti riguarda le dimensioni. Non sopporto quei mini dischettini di cotone con cui fai fatica a toglierti lo smalto da tutte le unghie, preferisco quelli più grandi, in cui mi prendo tutto lo spazio che voglio, e se ne avanza, lo riutilizzo più avanti.
 
La prima volta che ho usato questi dischetti di Cotoneve per togliermi lo smalto è stato un trauma! Ho imbevuto la creatura di solvente e sono partita con la rimozione. Già con la quarta unghia il cotone si è sciolto: l’orlo ha ceduto (facendo così sfaldare il tutto) ed il cotone è diventato una massa informe di pelucchi e palline che si attaccavano alle unghie. Non mi era MAI successo. E si che io per questo genere di lavori tendo ad usare cose economiche. Mi è venuto un nervoso pazzesco, e da qui la voglia di fare questo post. 

Però, avevo usato il solvente senza acetone di essence i primi utilizzi, forse questo prodotto ha una formulazione che “disturba” il dischetto, ho pensato. Quindi ho provato un solvente tradizionale, ma la storia non è cambiata, sfaldamenti, palline, pelucchi, non è migliorato niente.

Mi sono inventata un’altra scusa per giustificare questo prodotto. I dischetti sono etichettati come leva trucco, non leva smalto. Usati per struccarmi saranno sicuramente buoni, ho pensato, c’è scritto anche sulla confezione. Eh, lo so che sono un’illusa. Usati per lo struccaggio sono sicuramente migliori che per la rimozione dello smalto. Non si squagliano per lo meno, però un po’ di palline e pelucchi li fanno lo stesso. Quindi non fanno bene bene neppure quello.

L’unica cosa positiva che hanno secondo me sono le dimensioni: con un solo dischetto posso struccarmi due volte o levarmi lo smalto due volte. Questa è una gran cosa secondo me perché posso utilizzare al massimo il prodotto, dall’altra parte però, questo significa anche farli durare il doppio. Su 50 me ne mancano ancora una trentina: sarà un’agonia.

E voi? Avete mai avuto esperienze del genere? E questi li avete provati?

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Copyright (c) 2010 una casa su un albero. Design by WPThemes Expert
Themes By Buy My Themes And Cheap Conveyancing.