Google+

lunedì 29 aprile 2013

Equilibra: stick labbra all’aloe



Qualche giorno fa vi ho mostrato tutto il mio stupore verso l’anticellulite oggi invece vi parlo di un altro prodotto che mi ha provocato un effetto inaspettato. La vittima del giorno è lo stick labbra all’aloe di Equilibra. Anzi, la vittima sono io, ma questo ve lo spiego dopo.
 
L’ho comprato lo scorso autunno come sostituto del mio labello (muahahah, povera illusa!) ed era pure in offerta, non vedevo l’ora di provarlo! Pensavo che fossero due prodotti simili, ma mi sbagliavo di grossissimo! Questo prodotto conferisce un’idratazione minima, quindi assolutamente insufficiente per le mie labbra nei mesi freddi (considerando che il burro di Karitè è appena sufficiente…). Vabbè, puoi usarlo in estate quando fa caldo. L’ho pensato anch’io. È leggero sulle labbra, è appena idratante e contiene aloe, potenzialmente è perfetto. Potenzialmente.

Suspance!

Il profumo del prodotto è piuttosto particolare, una cosa tipo menta e plastica. Non è piacevole, ma non fa nemmeno schifo. È fresco, questo sì. Inoltre, l’inci di questo stick è molto buono poiché contente ingredienti come l’aloe, l’olio di jojoba e la menta.

E per cosa mi lamento? Adesso ci arrivo. L’olio di menta peperita è l’ultimo ingrediente della lista. Avevo sentito dire che la menta aiutasse a dare volume alle labbra, ma sinceramente non ci credevo. Un po’ come gli anticellulite o i ritardanti per la ricrescita dei peli. Ero convinta che fosse tipo una leggenda metropolitana. Ovviamente sbagliavo! Dopo pochi secondi che ho applicato il prodotto le labbra iniziano a bruciarmi un sacco, e continuano per un bel po’! Porca miseria fa veramente gonfiare le labbra! o.O

Ma perché non lo scrivono nella confezione?? A caratteri cubitali tipo! Era un effetto che non volevo assolutamente (e che non mi aspettavo ovviamente). Io sono una che quando si trucca punta sempre tutto sulle labbra per tre ottimi motivi: ho delle belle labbra, porto gli occhiali e non sono troppo brava a truccarmi. Quando mi sono accorta di quest’effetto mi sono innervosita e quando tutti me l’hanno confermato mi è venuto il panico! Mi sembrava di essere una di quelle rifatte con dei canotti al posto della bocca. È stato terribile ed in pochi utilizzi ho accantonato per sempre il prodotto.

Insomma, potenzialmente potrebbe essere un buon balsamo per l’estate ma il fatto che gonfi le labbra non fa proprio per me. Credo che lo sbolognerò a qualche parente o amica perché lui poverino è ancora praticamente intero (magari faccio uno scherzo a mia sorella :D). Detto questo, se pensate di avere le labbra troppo sottili vi consiglio proprio di provarlo!

E voi? Avete mai avuto effetti inaspettati da qualche prodotto? Sono stati effetti positivi o negativi?

domenica 28 aprile 2013

Pupa Lasting Color n°298



Smalto del giorno! Pura avendo voglia di colore sulle unghie non mi andava di perdere tanto tempo nella stesura, quindi scegliendo tra i colori ho cercato qualcosa che rispecchiasse il mio umore, che fosse coprente e che si asciugasse in fretta. Quindi, oggi vi mostro lo smalto Lasting Color di Pupa nel numero 298.

È coprente, quello che vedete in foto è frutto di una passata abbondante, meno male che è autolivellante altrimenti sembrerebbe un disastro (si, ovviamente qualche pasticcio c’è) e si asciuga abbastanza velocemente, credo che i tempi dipendano in parte dallo strato di prodotto, ma in ogni caso c’è di meglio.

Il colore è molto carino, è un azzurro cielo un po’ “malinconico”, ha un qualcosa che gli da un aspetto un po’ più triste dei soliti azzurrini vivaci, mi piace questa sua particolarità. Una cosa che ho notato solo oggi è che è molto riflettente. Non è la foto che è fatta male, è proprio lo smalto che riflette, quasi come uno specchio. Il tutto senza top coat ovviamente. Pur avendolo portato molto (sono circa a tre quarti di boccetta, ma qui avendola agitata non si nota) non avevo mai fatto caso a questo particolare.

Insomma, è uno smalto che mi piace un sacco, in lui vedo tutta la qualità degli smalti Pupa (se costassero meno ne avrei sicuramente di più!). Ormai questo è un colore costante degli ultimi due anni circa, quindi è quasi un vecchio amico :).

E voi in base a cosa scegliete che smalto indossare?

venerdì 26 aprile 2013

Torta 1000 modi: base


Come avrete probabilmente notato con la torta lightcioccolato e menta, io quando cerco la ricetta per un dolce spesso parto da un’idea che la mia piccola testolina malata si crea. Solo che a volte è un’idea che viene solo a me (e già qua dovrei pormi qualche domanda) e non trovo niente che soddisfi le mie papille gustative. Da qui, l’idea di rispolverare una vecchia ricetta di mia madre: la torta 1000 modi (ma penso che l’abbia fatta anche la Benedetta Parodi). Mi piace l’idea di poter modificare a mio piacimento una torta, ho così tante idee che credo che dovrò scrivermele. Prima di tutto però ho voluto eseguire la ricetta base, cioè senza aggiunte. Volevo sapere da che sapore partiva l’impasto. 
 
Ecco a voi la ricetta :)

Ingredienti:
4 uova
1 pizzico di sale
250 g di zucchero
200 ml di latte
125 ml d’olio
1 bustina di vanillina
1 bustina di lievito
350 g di farina

La procedura è semplicissima, prima di tutto si mescolano insieme le uova e lo zucchero (mettete un pizzico di sale sulle uova) e poi pian piano si mettono anche tutti gli altri ingredienti mescolando l’impasto man mano che si aggiunge qualcosa. Avete finito. Non vi resta altro che disporre il vostro composto su una teglia ed infornare a 200° per circa 40 minuti (dico circa perché il mio forno è un mattacchione: non si sa mai cosa combinerà!).

Quello che avrete tra le mani ( e tra i denti) a fine cottura sarà un bel dolce alto, gonfio e panciuto e dal sapore molto delicato.

Questo è tutto! Cosa ne dite di quest’idea? Ma soprattutto, avete mai avuto a che fare con questa torta? 

Fatemi sapere cosa ne pensate, e soprattutto cosa combinate :)

giovedì 25 aprile 2013

Pupa: anticellulite evidente e radicata



Siamo tra donne, queste cose ce le possiamo dire: la cellulite è un mostro che colpisce tutte. Guai a te se mi dici che non ne hai: o menti a me o menti a te stessa, magari un filo, ma c’è sempre. Ovviamente c’è chi ne ha molta e chi ne ha poca, ma comunque è terribile perché se sappiamo di averne non c’è quantità che tenga. Poi per carità, ci sono quelle che se ne fregano! Una volta ho fatto un colloquio di lavoro con una che aveva le cosce che sembravano un divano (presente quelli con i bottoni?). Adesso, tralasciamo il fatto che ti sei presentata ad un colloquio in minigonna e calze a rete, ma copriti cavolo! Ci vuole coraggio! Non dico coprirsi a tutti i costi, ma un po’ di decenza…

Fine dello sproloquio. Io non sono magrissima, peso il giusto (anche se si potrebbe fare di meglio) e questo fa si che io abbia un po’ di ciccietta qua e là. E tanta, tanta cellulite! Col fisico ed il metabolismo che mi ritrovo non poteva essere altrimenti sinceramente. In passato contro la cellulite avevo usato i fanghi d’alga Guam, ma non mi ci sono trovata mai bene bene. Secondo mia madre sono l’unica cosa che funziona, ma trovo che sia un processo troppo laborioso e fastidioso. Eliminata. Non ho mai creduto all’efficacia delle creme anticellulite, ho sempre pensato che fossero prodotti che fondamentalmente attiravano soldi. Non me ne sono mai interessata finchè non sono incappata nel post di Rita del blog Consigli di Make up che parlava appunto di questa crema e mi sono incuriosita. Credo che sia uno dei primi blog che ho seguito, quindi mi fido!
 
Devo dire che il fatto che sia “in tubo” non mi piace particolarmente, avrei preferito che fosse in un bel barattolone col tappo a vite. Se la comprate ricordatevi bene di tagliare la confezione quando sta per finire, io così, la prima volta che l’ho finita ci ho recuperato 6-7 applicazioni che altrimenti avrei sprecato. Vietati gli sprechi!

A parte questo mi è piaciuto tutto di questa crema, ha un profumo molto fresco, tipo anice e alghe. Lo so, detta così suona malissimo, ma vi assicuro che non è male. Inoltre, la consistenza è molto leggera, si assorbe molto velocemente. Per accentuare questa caratteristica vi consiglio di fare frequenti scrub, o cose simili, così da eliminare le cellule morte e dare il via libera ai vari principi attivi.

Ma se voi state leggendo volete sapere se funziona, non se profuma. Per tre settimane l’ho applicata costantemente mattina e sera e devo dire che su di me ho visto un sacco di risultati. Prima di tutto è scomparso un cuscinetto di ciccia nella parte esterna della coscia, enorme risultato per me! Poi col continuare del trattamento (per un mesetto l’ho applicata solo la sera) ho notato una scomparsa della cellulite che si vede normalmente quando la pelle è distesa. Praticamente in un paio di mesi mi sono ritrovata a dovermi strizzare le cosce per poter vedere dei residui di cellulite! Questo, per me che non sono mai stata magra e tonica è un ENORME risultato! Nell’interno coscia invece non ho notato grandi progressi, ma credo che sia dovuto al fatto che è una zona in cui applico meno prodotto (contate che inizio l’applicazione dalla chiap… hem, dal sedere!). Magari le ultime applicazioni di vita di questo tubo le dedico maggiormente a quella zona.

Tutto questo resoconto risale ad un anno fa. Nel frattempo, molto dopo il trattamento, ho iniziato a prendere un integratore diuretico-depurativo per sgonfiarmi un po’ (sì, perché io ho la ritenzione idrica di Spongebob). Questo ha fatto effetto e io ho perso parecchi centimetri, però, sempre nella famigerata zona cosciotte, si è verificato una specie di crollo strutturale. Non so come descrivervelo, o meglio, l’unico modo che mi viene in mente è raccapricciante, ma è come se fosse ceduto tutto e avessi perso tutti i progressi che avevo ottenuto. Abbattuta e demotivata ho ripreso in mano questa crema, dubitando che potesse fare qualcosa di buono, dopo tutto è un’anticellulite e avevo l’impressione che quello che mi ci volesse realmente era un’impalcatura. E invece mi sbagliavo! Mi ha sistemata in poche applicazioni. Non ho fatto caso a quante, perché ero scettica, ma vi garantisco che sono state poche. E non è che mi ha sistemata completamente, diciamo all’80%, ma è già molto per essere solo una crema! Il resto lo aggiusterò ricominciando a correre e continuando il trattamento.

È un post lunghissimo, ma aspettate, ho pure l’inci!

Quello che sembra evidenziato in azzurro in realtà è verde. Quello che non è evidenziato non l’ho trovato sul biodizionario. Come potete vedere, ha un pessimo inci, c’è un terribile Dimethicone ed un’inquietante Alluminium, ma ci intuisco anche qualche buon principio attivo come la caffeina, la menta ed un altro paio che non vi saprei tradurre. Sebbene io provi ad usare il più possibile prodotti ad inci verde credo che in questo caso valga la regola delle creme solari: non importa cosa c’è dentro basta che funzioni! Lei funziona, quindi per me va bene.

In conclusione, mi piace un sacco questo prodotto, su di me ha avuto risultati che mai mi sarei sognata e l’ho già ricomprata una volta (quello in foto è il secondo tubo). Nonostante ci sia un’invitantissima offerta però penso che non la ricomprerò per ora: voglio provare qualcos’altro e ho un po’ paura che dopo un po’ il mio corpo ci si abitui e che non reagisca più come deve. Finito il disgraziato che vedete qui sopra, lo metterò (a malincuore) in panchina per un po’.

E voi? Come vi trovate con le varie creme anticellulite? E questa l’avete mai provata?

martedì 23 aprile 2013

Lush: Igloo



CENTESIMO POST!!! Yee! :D Il tempo è passato in un lampo, e proprio non so come ho fatto a scrivere così tanto. Della serie: 100 post e non sentirli :).

Festeggiamo questa ricorrenza bocciando un sapone Lush. Muahah! Scherzi a parte, credo che la stroncatura di questo prodotto, Igloo, sia in parte dovuta al fatto che mi aspettavo molto da lui, ma non ha retto il confronto con la mia immaginazione.

Sembrava il migliore tra i saponi natalizi (era in edizione limitata), io e mia madre ci avevamo girato intorno un bel po’ di volte. Lei soprattutto. Devo dire che il colore ed il profumo fresco attirava molte attenzioni. Ai saldi finalmente l’abbiamo preso e solo una paio di settimane fa l’abbiamo usato.

Che trauma! Ancora cullata da Biancaneve mi aspettavo un sapone bello morbido ed idratante. Anche la mia pelle se l’aspettava, anzi, ne aveva bisogno. Igloo non solo non idrata, ma sembra che secchi la pelle! La prima volta che l’ho usato, per primo ho risciacquato un braccio e quando l’ho disteso mi sono accorta di avere la pelle così tesa e tirata da sentire quasi male. Mi da la sensazione di sgrassare la pelle così tanto da farla restringere, non so neanch’io come spiegarlo. Questa sensazione non si è presentata proprio tutti i giorni, a volte era un effetto molto più tenue, ma comunque fastidioso perché quei giorni avevo già la pelle secca di mio, figuratevi la combinazione col sapone!

Il profumo è proprio buono, assomiglia a menta e limone, molto molto fresco, e non essendo un sapone morbido si consuma molto lentamente, quindi un bel pezzettone vi dura parecchio.

Purtroppo non riesco a reperire l’inci, spero di trovarlo prima o poi.

Adesso, in conclusione pongo una domanda pratica: perché mettere in vendita un sapone del genere a Natale, in pieno inverno? Io ho una pelle forte e che non tende molto a seccarsi, ma comunque mi ha fatto quest’effetto. Pensiamo ad una persona con la pelle già arida di suo, che col freddo usa questo prodotto, ma come esce dalla doccia?? Secondo me sarebbe più saggio proporre questo prodotto in estate, quando la gente non ha eccessivi problemi di secchezza. Anzi, credo che il profumo fresco possa anche dare un (illusorio) sollievo dal caldo. Pensaci Lush!

Insomma, mi aspettavo tanto da questo prodotto, ma tutti i miei castelli in aria sono andati distrutti. Penso proprio che non lo ricomprerei, soprattutto in inverno!

E voi? L’avete mai provato? Come vi ci siete trovati?

lunedì 22 aprile 2013

Veet: crema depilatoria spray



Se siete di quelle a cui non cresce un pelo uno sul corpo uscite da questo post: qui non c’è niente per voi! Questo sarà un post dedicato alle dirette discendenti dalle scimmie. Darwin si sarebbe risparmiato anni ed anni di navigazione sul Beagle se solo avesse conosciuto me. E non solo me. In ogni caso oggi si parla di peli. Sarebbe interessante capire perché solo le donne devono depilarsi ovunque. Perché l’uomo depilato fa impressione… e la donna pelosa pure! Mamma (perché so che stai leggendo!) dovevi farmi maschio!

Io in particolare odio profondamente i peli (e la genetica non è dalla mia parte) e cerco sempre modi per eliminarli. Se siete fissate come me siete nell’albero giusto.

Da quando mia madre ha voluto la macchinetta della luce pulsata mi rifiuto di farmi la ceretta d’inverno. Per fare il trattamento in modo decente mi depilo con la lametta o con una crema depilatoria e poi subito dopo passo con la luce. Sarebbe meglio se usassi il silk epil, ma quell’attrezzo infernale mi fa male da morire, non mi strappa i peli dalla radice, mi macella i capillari e mi fa gonfiare le gambe (omettiamo i peli sotto pelle che è meglio). 

Ho deciso di provare questo prodotto per la pura necessità di rapidità che mi impone la luce pulsata, io generalmente sono contraria perché so che è una forma di depilazione estremamente blanda e ho sempre avuto paura che mi facesse male alla pelle.
Le indicazioni dicono di applicare il prodotto sulla pelle asciutta, di lasciarlo agire per massimo 10 minuti e poi rimuovere la schiuma con la spatolina. È semplice e veloce insomma.

Come sapevo, su di me non crea una buona depilazione, mi da giusto una sistemata per un paio di giorni, diciamo che è un buon metodo se avete poco tempo ma avete bisogno di essere liscie.

Una cosa che mi ha piacevolmente colpita in questo prodotto è l’effetto sulla pelle! Pensavo che bruciasse come l’inferno e che mi riducesse la pelle ad uno straccio, ma non è stato assolutamente così! Anzi, avercela una crema che fa quest’effetto! Una volta risciacquato via il prodotto e asciugato le zone trattate la pelle è di una morbidezza paradisiaca. È nettamente meno aggressiva della classica lametta perché brucia poco e non distrugge la pelle (io di solito mi sfregio!). La formulazione è abbastanza buona perché nonostante la presenza di ingredienti nocivi (ricordiamoci che questa cosa deve sciogliere i peli!) ne ha anche di estremamente benefici come l’aloe ed il burro di Karitè.

Fon’ora ne ho parlato tutto sommato bene, adesso vengono i guai. I 150 ml mi sono bastati per tre sole applicazioni sulle gambe dal ginocchio in giù. Non fatevi strane idee, non sono né una con delle gambe lunghissime né una con delle gambe grossissime: sono una dignitosa via di mezzo, quindi credo che la media di 50 ml a trattamento sia condivisibile da tutte. Non so se pensare che il barattolo contiene troppo poco prodotto o che la formulazione è sbagliata. Sono allibita. Ed inoltre, parlando di difetti, ha un odore asfissiante, quando la usate aprite una finestra!

Insomma, è un prodotto che infondo non mi dispiace perché è pratico, veloce e mi da un risultato decente senza stressarmi la pelle. Non voglio darvi stime sulla durata dell’effetto perché penso che dipenda fortemente da persona a persona. Tuttavia penso che non lo ricomprerò perché preferisco avere prodotti che mi durino più a lungo nel tempo, tre applicazioni sono veramente troppo poche.

E voi? Avete mai provato questo prodotto? Come vi ci siete trovati?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Copyright (c) 2010 una casa su un albero. Design by WPThemes Expert
Themes By Buy My Themes And Cheap Conveyancing.