Google+

lunedì 25 marzo 2013

Crema Chantilly



Ok, quest’anno è iniziato così così. Ho già avuto la febbre un paio di volte ed un mucchio di raffreddore. Ma ci sta tutto. Tutto, ma non la neve al 25 Marzo! Dov’è il mio caldo soffocante?? Io mi devo trasferire ai Caraibi! Ecco, vado a fare il pirata con Johnny Depp. Mia nonna ne sarebbe di certo felice.

Cooomunque, parliamo di una cosa che rimando da 15 giorni, cioè, come si fa la crema Chantilly. Nella torta per mia sorella ve l’avevo nominata, ma non vi ho mai spiegato l’esecuzione. Fino ad ora. Come al solito mi sono fidata ed affidata a Giallo Zafferano.
Ingredienti:

  • Panna
  • Zucchero a velo
  • Vanillina
Non vi ho messo le dosi precise perché la preparazione si basa fondamentalmente su un rapporto tra la quantità di panna e la quantità di zucchero, cioè per 5 parti di panna vi serve 1 parte di zucchero. In numeri, per 250 ml di panna avrete bisogno di 50 g di zucchero a velo. Per la vanillina sempre una bustina. Sarebbe più corretto usare la bacca di vaniglia, ma io e quel bastoncino malefico abbiamo un rapporto piuttosto conflittuale, quindi evito. E mi raccomando, UNA bustina. Non fate come un certo geniaccio che conosco (hem, coff coff…) che ha pensato di metterne due “perché così sa più di vaniglia”. Non si fa, mai ed assolutamente! La vanillina è un aroma chimico, e se ne mettete troppa farà diventare qualsiasi cosa amara come la morte. Fidatevi ed imparate dai miei errori.

Fatte le premesse, passiamo alla preparazione. Per prima cosa dovete montare la panna. Facilitatevi la cosa il più possibile: mettete la terrina della panna in frigo, prendete un’altra terrina e riempitela di ghiaccio in modo da tenere fredda la panna, mettetevi fuori dalla finestra, usate tutti i trucchi che conoscete per velocizzare il processo. La Sonia dice che per completare la ricetta bastano 10 minuti, ma voglio proprio vedere come riesce a montare la panna in così poco tempo. 

Svolto il primo passaggio non ci resta che incorporare lo zucchero e velo e la vanillina poco per volta, mescolando dall’altro verso il basso per non smontare la panna. Se invece siete dei pigroni come me aggiungete le polveri mentre continuate a montare con le fruste e fate finta di niente. Più che altro, io ho sempre paura di non incorporare bene, quindi questo metodo mi da un po’ di sicurezza in più. Il metodo più corretto comunque è mescolare dal basso verso l’alto: fate così, non passate al lato oscuro.

A questo punto avete finito e della crema potete fare quello che volete: potete farcirci un dolce, ricoprirci una torta, usarla per decorare, oppure potete semplicemente spaparanzarvi nel divano e mangiarvela con un cucchiaio. È buonissima in ogni caso! 

(Mhm… divano + crema Chantilly + Nutella + cucchiaio… si può fare sì…)

E anche per oggi questo è tutto. Mi raccomando, fatevi una gran mangiata :)

2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Copyright (c) 2010 una casa su un albero. Design by WPThemes Expert
Themes By Buy My Themes And Cheap Conveyancing.