Google+

lunedì 10 dicembre 2012

Pacchetti improbabili: il regalo nascosto


Ciao a tutti, mancano solo quindici giorni al giorno di Natale! Io AMO il Natale! Solo una cosa non mi piace: impacchettare i regali. Non perché non mi piaccia l’effetto finale, ma perché non sono minimamente capace di incartare un pacco in modo decente o almeno dignitoso. Solitamente lo sporco lavoro lo facciamo io e mia madre, tutto in un pomeriggio. Io sono impedita, ma almeno lei, penserete voi, sarà capace di togliere il ragno dal buco, no? No. La genetica è stata spietata da questo punto di vista. Visto questo impedimento, almeno io nel mio piccolo, cerco di pensare soluzioni semplici e graziose… a prova di me insomma. 

 Quello che vi mostro oggi è il procedimento per incartare un regalo, ma è anche un modo per vendicarsi. Sì perché, io mi sono scervellata per confezionarlo, ma anche chi lo scarta, un pochino, se lo deve sudare! E la mia amica che l’ha ricevuto se l’è sudato parecchio :).


Materiale:

  •     Regalo
  •     Scatolone (io per esempio ne ho usato uno di quelli che contengono i pacchi dei pannolini)
  •     Cartone grande quanto la base dello scatolone
  •     Giornali (tanti giornali)
  •      La carta da regalo più imbarazzante che trovate
  •      Un nastrino


Posizioniamo il regalo all’interno dello scatolone, più sottile è l’oggetto migliore sarà il risultato.
 
 “Dimentichiamoci” del malcapitato pacchetto e appoggiamoci sopra il secondo cartone. È relativamente importante il modo in cui aderisce allo scatolone, per ora basta che non si noti troppo che il fondo della scatola è in realtà un doppio fondo.
 
 Per nascondere le possibili imperfezioni prendete i fogli di giornale e attaccateli ovunque sulla scatola. Dentro, fuori, dello scatolone non si deve intuire niente (il doppio fondo soprattutto!). Io per questo procedimento ho fissato ogni pezzo di carta con lo scotch, ma pensandoci adesso forse sarebbe stato tutto più solido se avessi incollato tutto. Tipo una passata di Vinavil e i fogli sopra. Una cosa molto Art Attak insomma.


Prendete i giornali avanzati,  appallottolateli e usateli per riempire lo spazio vuoto più che potete. È assolutamente la parte più divertente, sia mentre lo fate che nel momento in cui la vittima apre il suo regalo. In mezzo alle mille palline di carta avevo anche messo mille oggettini come forcine e cose simili, giusto per confondere la malcapitata :).

  Ora potete chiudere tutto….
 


…. E impacchettare! Le forme squadrate sono tutto sommato semplici da decorare. Mi raccomando la scelta della carta :).
 

Buon lavoro, e sperate che le vostre vittime non si vendichino :).

2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Copyright (c) 2010 una casa su un albero. Design by WPThemes Expert
Themes By Buy My Themes And Cheap Conveyancing.